Ripartono i corsi di danza dell’Accademia Professionale LA GIOIA DI DANZARE

10620538_1510129782565010_2440792669448981804_n
 
Perché la danza fa bene ai bambini?
Ogni tanto sento paragonare la danza a un qualsiasi sport, a mio avviso lo trovo una forzatura.

Nello sport ci “si allena” perchè bisogna potenziare il proprio fisico e si ha la necessità di migliorarsi per avere delle prestazioni sempre più elevate, nella danza invece “si fa lezione”. Infatti, è uno strumento educativo a tutti gli effetti perché non si potenz…ia solo il fisico ma si impara ogni giorno nuovi passi e nuove tecniche.

Trovare un attività che possa essere adatta ai propri figli non è facile, mi permetto di consigliare la danza.

La danza è un attività multieducativa che crea un certo tipo di disciplina mentale nei bambini, organizza la loro mente insegna la serietà di assumersi un impegno di cominciare e finire un progetto ma sopratutto educa al rispetto degli altri.

Per quanto riguarda la parte prettamente fisica la danza non ha nulla da invidiare agli altri sport. Fa fare sia attività aerobica che anaerobica, non solo, aumenta anche la coordinazione e la flessibilità.

Sviluppa la musicalità e il senso del ritmo. Inizialmente si insegna a seguire il ritmo battendo le mani e poi lo si associa ad esercizi specifici.

Sviluppa la memoria. Gli esercizi da ripetere inizialmente sono semplici e lineari, quindi facili da ricordare e poi mano a mano diventano sempre piu complessi.

La danza è anche teatralità e “recitazione” ma senza l’uso della parola. Grazie a questo i bambini imparano che non ci si esprime solo a parole ma anche con la gestualità del corpo e le espressioni del viso.

Spesso viene chiesto ai bambini di creare qualcosa con il loro corpo sviluppando anche la sfera creativa.

Doversi esibire durante lo spettacolo di fine anno aiuta ad accrescere l’autostima nei bambini più timidi.
Sviluppa anche il senso sociale e del gruppo perchè la danza è squadra.
I bambini più timidi sono obbligati ad interagire con gli altri, quelli più esuberanti invece imparano a controllare le loro energie in eccesso e a dosarle.